Il principio di parsimonia: evitando i circoli viziosi.

Principio di parsimonia, ossia una buona regola per ogni elaborazione statistica. Come ricordare che bisogna sempre rispettare il principio di parsimonia? Ecco un piccolo sketch iniziale, ti farò vedere come possono generarsi pericolosi circoli viziosi se tale principio non viene applicato e se si vuole a tutti i costi fare una statistica senza sapere dove andare. Partiamo quindi da un esempio, una sorta di iperbole che rende l’idea di cosa non deve contenere un’analisi statistica: le ripetizioni e l’andirivieni degli stessi concetti.

Cos’è un circolo vizioso? Ecco un esempio

“Tema.
Durante l’anno scolastico abbiamo letto I Promessi Sposi di Alessandro Manzoni. Analizza e commenta il personaggio di Lucia alla luce delle riflessioni fatte in classe sulla Provvidenza secondo il Manzoni.
Svolgimento.
Durante l’anno scolastico abbiamo letto I Promessi Sposi di Alessandro Manzoni. Cercherò di commentare il personaggio di Lucia alla luce delle riflessioni fatte in classe sulla Provvidenza secondo il Manzoni.
Il personaggio di Lucia è uno dei personaggi che durante l’anno scolastico abbiamo letto ne I Promessi Sposi. Alla luce delle riflessioni fatte in classe sulla Provvidenza secondo il Manzoni, io credo che possiamo fare delle riflessioni e dei commenti.
Certamente analizzare e commentare il personaggio di Lucia, alla luce delle riflessioni fatte in classe sulla Provvidenza secondo il Manzoni, non è facile.
Ma io credo, che se durante l’anno scolastico abbiamo letto I Promessi Sposi di Alessandro Manzoni, possiamo comunque cercare di analizzare e commentare il personaggio di Lucia alla luce delle riflessioni fatte in classe sulla Provvidenza secondo il Manzoni….”
“Sketch di Rodolfo Laganà”

E adesso passiamo alla statistica

Che ne dici? Può sembrare un’esagerazione, ma ti assicuro che per i neofiti delle elaborazioni statistiche questo andirivieni inconcludente ricorre molto molto spesso. Magari ti starai chiedendo cosa c’entra la Lucia del Manzoni con la tua statistica. Prova a pensare: togli la parola Lucia e inserisci la parola “test statistico”, modifica la parola “Provvidenza” con la parola “ricerca”, l’anno scolastico cambialo in “percorso universitario” e al posto di Promessi Sposi metti l’argomento del tuo lavoro e al nome di Manzoni sostituisci il tuo. Bene, tante elaborazioni statistiche dei neofiti della ricerca, somigliano esattamente al nostro tema, molto ripetitivo.

Infatti, per i meno esperti di statistica e sopratutto di analisi su dati reali, molto spesso l’elaborazione diviene una sorta di girone dantesco in cui gli strumenti statistici si confondono con gli obiettivi e questi ultimi si confondono con i risultati. Ed a volte il processo di verifica delle ipotesi di ricerca è così tortuoso e ripetitivo che sembra ricordare appunto il famoso tema.

Il principio di parsimonia

Esiste una buona via di uscita per effettuare un’analisi statistica ben fatta senza incorrere in un ripetersi di concetti, parole e test statistici. Elaborazioni sovrabbondanti non solo annoiano qualsiasi “sventurato” lettore dell’elaborato, ma fanno venir meno uno dei capisaldi di ogni buon percorso di ricerca: il principio di parsimonia. Se formalmente il principio ci dice che dobbiamo dimostrare la nostra ipotesi con il minor numero di variabili possibili, dall’altro, ampliando la portata del principio, esso ci invita a verificare l’ipotesi utilizzando il percorso più breve. Dunque cosa fare? Fissiamo uno schema preciso e seguiamolo! Creiamo insomma il nostro itinerario di viaggio: andando dagli obiettivi ai risultati, senza tornare indietro o facendo percorsi tortuosi. Ecco di seguito un elenco di come procedere.

  • Definisci i tuoi obiettivi
  • Scrivi le ipotesi di ricerca
  • Individua gli strumenti statistici più idonei
  • Scrivi e commenta i risultati
  • … e non aggiungere una parola di più 🙂

Conclusione

Dunque riepilogando, per evitare di elaborare uno ripetitivo e noioso studio statistico, che “analizza e commenta il personaggio di Lucia …”, fai un piano di lavoro schematizzato che ti porta dal framework teorico ai risultati e non aggiunge una parola di più. Buon lavoro!

Related Posts